Cari Avvocati e Magistrati di Firenze

Ho aspettato tre giorni per decidere se rispondere o no perché rimango attonita da quello che è stato detto e ritengo indegno che, in quella che pare essere una stanza del Tribunale di Firenze, si sia citato Gardner, un mio ignobile collega, pedofilo o, al meglio, attivista della pedofilia. La pedofilia è uno dei crimini peggiori dell’umanità e tutti i lì presenti lo sanno meglio di me. Citare un pedofilo in un palazzo di Giustizia è a dir poco sconveniente. Gardner ha combattuto fino alla morte avvenuta tragicamente con 8 coltellate (difficile suicidarsi con 8 coltellate) per la legalizzazione dell’abuso sessuale dei bambini, per la scarcerazione dei pedofili, per dare loro una pensione, per abolire l’obbligo di segnalazione del  reato etc… Gardner riteneva le parafilie utili alla specie, negava la violenza maschile e riteneva che le donne avessero piacere ad essere picchiate, legate, violentate per ‘la soddisfazione di avere il seme’. Disprezzava l’istinto materno che porta le madri anche a morire per i figli, un antico retaggio inutile, legato alla bestialità, riteneva l’incesto una buona pratica condannata da una società moralista e retrograda legata alla cultura ebraica. Infatti, da bravo medico che lavorava nella Germania ex-nazista, un po’ di colpa agli ebrei la doveva dare.

Che si citi Gardner in un Tribunale del nostro Paese è, per me, una vergogna ed un fatto gravissimo e molto preoccupante. Così come se niente fosse. Manca solo di citare il mostro di Marcinelle, e poi le mutilazioni genitali e magari le spose bambine… Sarà mai possibile che le idiozie di un pedofilo servano alla Giustizia? Al supremo interesse del bambino? Alla protezione delle donne? Direi che è quantomeno improbabile ma piuttosto l’opposto. Donne e bambini già maltrattati vengono ri-maltrattati in un Tribunale che ascolta le idiozie di un pedofilo atte solo a fornire carne giovane in pasto a barbari. La famigerata PAS che la dottoressa cita, diventa brillantemente ‘condotte alienanti’  etichettando le madri come spregevoli Medee ed i bambini come idioti.

Le ‘volontà distruttive’ delle madri, le persone che ‘non riescono a costruire sulle macerie’,  i figli che sono la ‘fusione di un matrimonio quindi vanno distrutti’ . Ma che dice? Mere opinioni personali che rasentano la denigrazione. I genitori ‘distruttivi’…. Chi dice che difende suo figlio invece lo vuole offendere per distruggere la ‘fusione dei geni’… ….

Vorrei ricordare che tutte le teorie psicologiche sono ‘teorie’ e come tali danno esito ad ‘interpretazioni’. Le interpretazioni, nella pratica clinica, vanno poi sottoposte alla ‘validazione’ che dà il paziente. Ed in ambito forense tale validazione manca totalmente mentre rimane solo la mera opinione di un valutatore…quindi non vi è e non vi deve essere posto alla psicoanalisi nei tribunali. Negli USA questo ‘furto del sistema giudiziario americano da parte della psicologia’ ha portato ad un danno irreparabile con morte e sofferenza di migliaia di bambini e madri protettive. E gli USA adesso pagano milioni di dollari di risarcimenti. Perché lì almeno risarciscono. Da noi neanche questo.

Adesso siamo noi nello stesso dramma. Non abbiamo più un processo, non servono più avvocati e magistrati. Le sentenze sono  decise sulla base di interpretazioni psicoanalitiche del tutto prive di prova. Proprio quello che invece ci serve in Tribunale e che andiamo a cercare in Tribunale.

Il picco di figlicidi e di femminicidi degli ultimi anni è dovuto a questa follia, promulgata da un pedofilo. Rimango basita da una relazione del genere dinanzi a giuristi. Quelle considerazioni sono follie in ambito forense, dove si deve cercare la prova di un fatto, la sua causa e un nesso causale. Senza nesso di causa non siete a niente e Voi il nesso non lo troverete mai perché non esiste, come non esiste la prova della interpretazione. Perché è una interpretazione soggettiva.

La verità è ben diversa.

Tutti possono influenzare, anche un figlio, ma i bambini non sono dementi. E ci sono molti motivi, ed anche validi, perché un bambino si allontani da un genitore. E questi vanno con attenzione cercati, non interpretati, cercati e dimostrati.Non attraverso le interpretazioni psicoanalitiche ma i fatti, i comportamenti, i riferiti, la contestualizzazione. Ma non posso essere io ad insegnare a Voi il Vostro lavoro, siete Voi i Fact-finder, degli americani. Io imparo da Voi. Ma cercateli i fatti, le prove, i dati.

In questa relazione sparata a mille si arriva a dire che i bambini si ammalano di cancro per colpa della separazione dei genitori. Ma come si fa a dire queste cose atroci. Offensive. Magari in quell’aula c’è un genitore separato di una creatura morta di cancro. 70/80 bambini l’anno muoiono in Toscana. La sottoscritta ha lavorato 25 anni in terapia intensiva neonatale e 5 in cure palliative. Ma come si può dire queste cose ai genitori. Quante famiglie con bambini morti ha seguito la dottoressa per permettersi tali affermazioni? Quale è il dato scientifico? Il senso di colpa dei bambini che li fa ammalare….. Ma portatemi un dato scientifico, uno solo a sostegno di queste follie. Il cancro dovuto alla separazione dei genitori, ma si merita il premio Nobel per la medicina. Abbiamo trovato la cura del cancro. Io credo che ci sia gente che si è rivoltata nella tomba con queste affermazioni. Ai bambini non viene proprio niente per la separazione dei genitori, spesso vanno solo a stare meglio. E questo dice la Scienza. Se la dottoressa avesse seguito un bambino, uno solo, in cure terminali ed i suoi genitori, forse non si permetterebbe di sparare queste cose abominevoli. Se li avesse visti nell’Hospice se conoscesse come si relazionano e separati o no, sposati o no, conviventi o no… Ma come si fa a dire queste cose allucinanti…

E ancora ‘lo sperpero  economico’ speso per la ‘volontà distruttiva’ presentato come la ‘difesa dei figli’. Tutte interpretazioni personali, che vanno bene nello studio privato (per chi se le fa dire). Ma io spero che si rifletta su questi concetti e su come essi rappresentino solo mere ‘interpretazioni’ di fatti di realtà senza la minima spiegazione ed obiettivizzazione scientifica. Nulla di male se la dottoressa pensa così, ognuno è libero di pensare tutto il brutto che vuole degli altri (e qui c’è tanto brutto, sembra che di bello le persone non abbiano niente, l’amore, l’affetto, il rispetto, le relazioni affettive non esistono).  Ma molto di male se avvocati e magistrati stanno ad ascoltare queste cose e disgraziatamente le fanno pesare nelle aule dei Tribunali.

Mettete tutte queste ‘interpretazioni’ dentro ad una bella relazione di CTU e vediamo che fine fanno donne e  bambini. Hanno ragione i Vostri colleghi americani che scrivono del  ‘furto del sistema giudiziario da parte degli psicologi forensi’…. vi hanno rubato il lavoro! Ed assistiamo infatti a sentenze fatte col copia incolla da conclusioni di consulenti completamente campate in aria, senza una minima aderenza ai fatti reali che sono quelli che dovreste cercare e dimostrare. Una follia, veramente una follia. La ‘dinamica psichica’ di cui parla la dottoressa è una mera interpretazione, perché la psicologia funziona così, non può essere messa, perché priva di prove, sul tavolo di un Magistrato. Se continuate a farlo, come accade da almeno 20 anni, continueremo ad avere bambini ammazzati, e non dalle madri ma dai padri, visto che il 75% dei figlicidi paterni avviene per ritorsione contro la madre e questi sono i dati scientifici che dovreste cercare di avere sulle vostre scrivanie, donne uccise o stalkerizzate, bambini allontanati da madri protettive che vengono ridotte sul lastrico e danneggiate in salute, e non per la propria ‘volontà distruttiva’ ma nel disperato tentativo di difendere sé stesse ed i propri figli dalla violenza di un partner maledetto, come quel finto padre dell’altra settimana che ha strangolato i proprio figli di 12 anni. E ci vuole tempo per uccidere strangolando! Bambini affidati a pedofili! E non è un caso che la dottoressa ci porti l’esempio della bambina di 2 anni figlia della ‘psicotica’ che accusa il marito di abuso sessuale…. Poi la bambina si fa 4 anni di ‘orfanotrofio’ e poi, dal padre, comincia a vivere….. Avete sentito la notizia di oggi??? La pedofilia esiste, eccome. Continuiamo a fare finta di nulla? A stupirci????

Dopo le posizioni del ISS, Ministeri, Cassazione, Governo, Società scientifiche non è veramente più tollerabile sentire ancora parlare di PAS, perché la dizione ‘condotte alienanti’ non è altro che la solita PAS fritta a rifritta, addirittura dentro ai Tribunali, nei Vostri aggiornamenti, annidata come il cancro. Perché state sempre parlando della stessa cosa, della PAS, cioè di quello che è uno scellerato strumento di violenza domestica ideato da un attivista pedofilo che non aveva affatto a cuore il supremo interesse dei bambini e  che non siete autorizzati ad usare nei contesti di decisioni sulla custodia dei bambini, almeno per la nota Cassazione, almeno voi Giuristi. Gli psicoanalisti facciano quello che vogliono, per chi li ascolta, ma non dentro le nostre aule dei Tribunali, altrimenti vi fate complici, al minimo, di ri-vittimizzazione ma, purtroppo, anche di omicidi.

Questo il mio pensiero dopo 30 anni di pediatria e puericultura e 20 di medicina legale.