Cara Stella …..

Ottima risposta di una ragazzina che di minore non ha proprio nulla. Dopo 30 anni di lavoro esclusivamente con ragazzi e bambini non posso che continuare a gridare che la supposta loro incompetenza è un qualcosa che fa tanto comodo ai cosiddetti ‘grandi’ e supporta, con menzogne e pregiudizi, le loro, generalmente insensate, decisioni, spesso intrise, purtroppo, in questa Italia così corrotta, di una criminale valenza economica. Decisioni sulla pelle dei bambini che fanno comodo, invece, al ‘grande’ di turno. Decisioni prese richiamandosi ad un supremo interesse del minore mai definito….  E che tradiscono la pregiudizievole base teorica, da me chiamata, dell’Idiota Morale.

Sono con te cara Stella, nome di fantasia, ma che ti si addice perchè le tue parole brillano di luce propria….. D’altra parte dobbiamo stare attenti a ‘nominare’ i bambini, o a pubblicare le loro foto… tutte cose che possono ledere i ragazzi ed il loro armonico sviluppo psico-fisico.

Mentre invece, allontanarli dal genitore con cui vogliono stare, dalla loro casa, separarli dai fratelli, incarcerarli in istituti dove non vogliono andare e dove sono costretti a convivenze forzate con perfetti sconosciuti e con gravi problemi pregressi o attuali, portarli via ad amici, famiglia, scuola, chiesa, scout, sport……. Senza ascoltarli e senza dare loro almeno la dignità dell’accoglienza mentale.. questo non fa male. Per niente… e magari portati via con la tecnica del Rapimento di Stato e con l’inganno.

Soluzioni a problemi anche banali e transitori, propugnate dai finti esperti, laureati in scienza del mercato del pesce, disseminatisi a macchia d’olio nei nostri Tribunali.

Beh! Cara Stella, dopo 25 anni di Terapia intensiva lavoro adesso nelle Cure palliative pediatriche. Quei folli finti esperti di infanzia, non hanno la minima idea di cosa possano i ragazzi ed i bambini, della loro capacità di essere autonomi, di decidere, anche per i loro genitori, su terapie e percorsi che li porteranno addirittura alla morte. Vergogna, inesperti di turno! Inesperti che disconoscono la realtà: le Greta che a 15 anni mettono su un movimento mondiale per l’ambiente, o le Malala che ad 11 anni affrontano i talebani ottenendo il Nobel a 17. E chissà quanti altri….

La lesione della tua dignità parte, innanzitutto, dal ‘non ascolto’ che tu denunci. Ascolto che è atto dovuto a tutti, in nome della nostra Costituzione e delle Convenzioni dei Diritti dell’uomo e dei Diritti del bambino. Le decisioni a seguire, di allontanarti da tua madre, la prima relazione che hai stabilito nella vita, dal tuo ambiente, da tua sorella, di confinarti in un istituto, potrebbero avere un senso se la Scienza le supportasse. E la Scienza non le supporta. Non vi e’ alcun dato scientifico a sostegno di tali decisioni, a parte la pseudo-scienza della PAS e le ideologie patriarcali che dovrebbero far parte di un mondo primitivo orami sepolto. E non mi interessano le motivazioni che i finti esperti riportano. Perché, comunque, la decisione non è sensata. Per tutti i bambini (intesi con l’inglese ‘children’, sotto i 18 anni) non è questa la soluzione, questa serve solo agli adulti e, spesso ottiene l’effetto contrario, cioè allontanarli ancora più dal genitore rifiutato.  E, addirittura a 15 e 13 anni, fa veramente ridere. Come giustamente ricordi hai già il titolo per avere la patente e decidere per la tua vita e quella degli altri, tra poco potresti diventare ‘minore emancipato’ ed anche sposarti, puoi decidere della tua sessualità e della gran parte della tua giornata, addirittura nello scegliere comportamenti insalubri o corretti, alcool, droghe, criminalità…. In medicina nessuno ti farebbe niente senza anche il tuo consenso…. ma, secondo i falsi esperti, non sei in grado di prendere posizioni su comportamenti di altri che giudichi sbagliati e di allontanarti da questi. Il concetto di Plagio, limitato ai bambini, una totale buffonata. Ancora una volta alla base della teoria dell’idiota morale. 

Ti allego il capitolo del mio libro ‘I nostri bambini meritano di più’, relativo al consenso del bambino e lo dedico a te. Se tu fossi ‘malata’ e, ringraziando Dio non lo sei, nella maggior parte dei paesi civili decideresti del tuo destino. Pensa come sono indietro quelli del mondo del ‘sociale’ rispetto al mondo della ‘salute’. Tu e tua sorella state subendo un danno infinito del quale avrete diritto di essere risarcite. Combatteremo per questo.

IL CONSENSO DEL BAMBINO

00000_PIGNOTTI_COVER_17X24_24092018 (1)