CONFERENZA STAMPA – 18 MAGGIO 2016 SALA STAMPA DI MONTECITORIO

Donatella Cipriani e Antonella Penati, donne, madri che hanno denunciato abusi, violenza domestica, punite dalla PAS; i loro bambini orfani di madre ed uno ucciso in ambito protetto a soli 8 anni, perché non ascoltati.

L’Associazione Federico nel Cuore impegnata nel sociale contro la violenza alle donne e ai minori organizza un’importante Conferenza Stampa presso la sala Stampa di Montecitorio dalle ore 10 alle 11 a sostegno della Prof.ssa Donatella Cipriani ‘imbavagliata’ e rinviata a giudizio, punita per aver denunciato abusi e violenza domestica.

Alla conferenza indetta a sostegno di Donatella Cipriani e contro l’uso della scellerata ed infondata teoria della PAS hanno aderito esponenti politici di differenti partiti. Per la prima volta in Italia la politica si unisce a favore dei bambini e contro la PAS-PA (sindrome di alienazione parentale).

La conferenza stampa intende richiamare l’attenzione del Ministro della Giustizia Orlando e di tutto il nostro Governo sul grave caso Cipriani e ribadire la gravissima intromissione nei Tribunali della teoria della PAS, scienza spazzatura, raccogliendo i consensi di più sensibilità istituzionali, considerando la violenza di genere e la violenza sui bambini un elemento apolitico e trasversale.

Saranno presenti:

Antonella Penati – Presidente Associazione Federico nel Cuore MAMMA DI FEDERICO BARAKAT

Maria Serenella Pignotti - Pediatra, Neonatologa, Medico Legale – Vice Presidente Ass. Federico nel cuore – Firenze

Sen. Donatella Mattesini

Sen. Maurizio Romani

On . Paola Binetti

On. Angelo Cera

L’Associazione Federico nel Cuore si è fatta parte attiva per sollecitare una nuova interpellanza a favore non solo del caso Cipriani ma a favore di tutte le piccole vittime della PAS in Italia. I bambini hanno bisogno di politici che difendano i loro diritti come nel caso dei partecipanti che già in passato avevano presentato interpellanze parlamentari sul caso Cipriani (On. Angelo Cera e On. Paola Binetti) o come il Sen Maurizio Romani e la Sen. Donatella Mattesini da anni impegnata sul fronte della tutela dell’infanzia.

Quest’ultima, raccogliendo l’appello lanciato dalla Presidente dell’Associazione Federico nel cuore parteciperà alla Conferenza Stampa ed illustrerà ai giornalisti l’importante iniziativa a favore sia della madre dei bambini di Battipaglia sia a favore di tutte le mamme (ed a volte padri), di migliaia di bambini italiani ingiustamente sottratti e rinchiusi in case famiglia.

Si invitano tutti i giornalisti a partecipare, diffondere l’iniziativa e dare voce a Donatella Cipriani, un caso di grave ingiustizia. Imbavagliata dal Tribunale per i minorenni di Salerno e rinviata a giudizio. Il procedimento si terrà presso il Tribunale di Salerno .

Il processo che si terrà a porte aperte il prossimo 6 Giugno 2016 darà modo alla Dott.ssa Cipriani di mettere in evidenza che in Italia troppe sono le donne che denunciano abusi e maltrattamenti venendo poi punite attraverso l’accusa di PAS (sindrome di alienazione parentale) con l’allontanamento coatto e definitivo dai propri figli.

Antonella Penati, privata del figlio (la Corte Europea di Strasburgo ha accettato il suo ricorso per violazione dei diritti umani art.2 Cedu – diritto alla vita ) ha raccolto il grido di dolore della mamma dei piccoli di Battipaglia che da 21 mesi ingiustamente non vedono più la loro mamma per denunciare l’orrenda vicenda giudiziaria che vede coinvolta Donatella Cipriani e i suoi bambini. La Prof.ssa Donatella Cipriani, stimata insegnante di inglese nelle scuole superiori, non ha mai smesso di lottare. L’Associazione Federico nel Cuore (nata in memoria del piccolo Federico Barakat ucciso a soli 8 anni in ambito protetto dal padre davanti ai servizi sociali) intende dare sostegno e solidarietà a Donatella Cipriani ricordando che anche il piccolo Federico fu vittima di PAS e del mancato ascolto che ne consegue esattamente come i due bambini di Battipaglia, rinchiusi in casa famiglia per quasi due anni e poi affidati in via esclusiva al padre.
I due casi, Cipriani  e Barakat, sono la punta di un iceberg di grave ingiustizia in tema di tutela dell’infanzia, che riguarda e mortifica migliaia di bambini ingiustamente sottratti  e rinchiusi nelle cosiddetteCase famiglia”.

Nel frattempo Donatella Cipriani continua la sua battaglia legale, assistita dal legale Avv. Cecchino Cacciatore del Foro di Salerno. I bambini sono stati trasferiti dal 28 luglio 2014 in affido esclusivo al padre mentre gli incontri con la madre non sono mai stati rispettati. Ad oggi Donatella non vede i suoi figli da 21 mesi, esattamente dal settembre 2014.

L’Associazione chiede a tutti i giornalisti di partecipare numerosi alla conferenza stampa e informare tutta l’opinione pubblica sulla grave ingiustizia che i bambini di Battipaglia e la loro mamma stanno subendo.

Antonella Penati
Presidenza: presidente@federiconelcuore.org
Press Office: presidente@federiconelcuore.org
Phone 335.0066295

http://www.federiconelcuore.com/
http://www.federiconelcuore.org
http://www.fight4childprotection.org/it/home
https://www.facebook.com/federiconelcuore/
https://twitter.com/Federiconelcuor
https://www.instagram.com/federiconelcuore/
https://www.youtube.com/channel/UCaZCunqyfLam1jL2hggNF5w

Sosterrà l’iniziativa anche l’Associazione CSI Onlus
che fa parte del progetto di Rete Fight 4 child protection.

 

Finiamola coi convegni Pro-PAS

Pubblico interamente l’articolo del Presidente del Movimento per l’Infanzia contro il continuo ripetersi di convegni di questo tipo che altro non fanno che promuovere e ribadire i concetti di una ideologia che si basa sulla negazione della violenza maschile contro donne e bambini promuovendo spazzatura scientifica come la Sindrome di Alienazione parentale (PAS) ed i suoi correlati: Disturbo da alienazione parentale (PAD) o Alienazione parentale (PA). Tutti sinonimi di una vera e propria bufala scientifica. Concetti che prendono in giro i nostri Tribunali ed imbavagliano la Giustizia. Continua a leggere

Utero in affitto e una carambola di violenze sui bambini

“….le considerazioni politiche che avevano influenzato le decisioni delle autorità italiane – e cioè che i ricorrenti avevano tentato di aggirare il divieto di fecondazione eterologa in Italia e le norme in materia di adozione internazionale – non dovevano prevalere sull’interesse superiore del bambino, nonostante l’assenza di qualsiasi relazione biologica fra i tre e il breve periodo durante il quale i ricorrenti se ne erano presi cura. Ribadendo che la rimozione di un bambino dal contesto familiare è una misura estrema giustificabile solo in caso di pericolo immediato per quel minore, la Camera ha ritenuto che, in questo caso, non persistevano tali condizioni urgenti.

http://www.primonumero.it/attualita/primopiano/articolo.php?id=20890

Quando dico che è proprio la mentalità imperante nei Tribunali Italiani che non va intendo questo. Continua a leggere

Perché sono contro la step-child adoption: la prostituzione dell’utero in affitto

Col termine Step-child adoption si intende un istituto nato nei paesi anglosassoni che permette di adottare il figlio biologico o adottivo del partner. Viene principalmente utilizzata per sistemare giuridicamente bambini nati da tecniche di fecondazione assistita o da maternità surrogata, molti dei quali figli di omosessuali.

L’Italia, come altri paesi europei (Germania, Finlandia) non permette l’adozione di bambini da parte di coppie omosessuali ma recentemente il Tribunale di Roma ha dato parere favorevole a quella di una bambina, figlia naturale di una donna omosessuale, da parte della sua compagna e questo per, si dice, garantire i diritti di questa bambina. Ha quindi permesso proprio la step-child adoption. Continua a leggere

Punire un neonato per punire la madre: il caso di Martina e di mille altre madri

Uno degli errori più  gravi e più diffusi dei Tribunali nei confronti dell’infanzia è confondere il genitore con il bambino o meglio dimenticarlo di fronte alla preponderante figura del genitore, e di conseguenza, in sostanza, per punire il genitore, punire il bambino: hai fatto questo: ti levo il figlio!!!.

Sulla base di tale atteggiamento, che tradisce una profonda disattenzione verso l’infanzia, accade che, a fronte di madri che si comportano male verso l’ex-marito, la famiglia, i figli venga loro tolto il bambino incuranti delle vere esigenze di quest’ultimo, di dove il bambino stia bene, di dove voglia stare, con chi, di quali siano le sue priorità che non necessariamente coincidono con quelle della legge; identica situazione può verificarsi per entrambi i genitori insieme oppure, anche se molto raramente, del padre. In sostanza, di fronte ad errori, situazioni discutibili etc dei genitori, soprattutto della madre, prima si porta loro via il bambino e poi si vede.

Come se quel bambino fosse un soprammobile. Dove lo metto sta!!! Lo spolvero ogni tanto, e poi ci penseremo! Continua a leggere

La risposta della signora ‘schiattosa’

Vengo chiamata direttamente in ballo in una serie di questioni ed allora….nonostante lo scarsissimo tempo…. è necessaria una risposta!!!

http://mobbing-genitoriale.blogspot.it/2015/06/pas-signore-schiattose-allassalto-di.html

  1. Ci si chiede, cioè: perché introdurre un concetto come la PAS, e la punibilità di chi la provoca, equivale a impedire la difesa delle donne, come sembra affermare la collega dr.ssa Pignotti? Che ci azzecca, anche questo?

È molto semplice e facilmente intuibile. Nel 90% circa di quei divorzi cosiddetti ‘conflittuali’ siamo davanti al maledetto fenomeno che va sotto il nome di Violenza Domestica, vera e propria ‘pandemia’ con effetti disastrosi sull’individuo, sulla famiglia e sull’intera società. La violenza domestica è agita nell’86% dei casi dagli uomini contro le donne. Di fatto quindi, la violenza maschile è un vero fenomeno sociale con impatto gravissimo sulla società. Nel 40-60% dei casi il marito violento diventa o è anche un padre violento e comunque, anche quando la violenza rimane contro la moglie, i figli sono vittime di ‘violenza assistita’ che provoca nel bambino gli stessi danni della violenza subita. In tutti questi casi, quando la donna trova la forza, perché non sempre succede, di chiedere il divorzio è evidente, normale ed anche OBBLIGATORIO che ella cerchi di proteggere i figli dal padre, che denunci il marito cercando di difendere sé stessa ed i figli e di avere protezione e Giustizia. E’ anche evidente che un bambino che ha subito violenza o ha visto, udito, percepito, la violenza del padre sulla madre o ne abbia anche solo visto i segni successivi, può non voler andare  dal padre, vederlo, parlargli, trascorrere il fine settimana solo con lui. Può avere paura di lui. Purtroppo il padre/marito violento tende molto più del padre ‘normale’ a chiedere la custodia del figlio e, nel 70% dei casi, la ottiene!

Questo è il capitolo più importante e pericoloso di tutto il complesso affare separazioni/divorzi.
Continua a leggere

Federico, protetto dalla pioggia e dal vento

198246_3021576593337_1415183223_nPubblico l’appello di Antonella – Andiamo a Strasburgo


Giustizia per Federico Barakat – Raccolta fondi su BuonaCausa.org

Carissimo/a

mi permetto di inviarti queto link nella speranza di un tuo aiuto e nella diffusione a tutti i tuoi contatti ed alle persone sensibili ed impegnate contro la violenza su bambini nell’aiutare l’ associazione Federico nel cuore onlsu a raccogliere i fondi per finanziare sa la battaglia a Strasburgo a favore della dovuta giustizia per Federico sia a finanziare le attività che l’associazione sta mettendo in campo per combattere il fenomeno del figlicidio.

i ringrazio in anticipo per l’aiuto nel diffondere quest’iniziativa.

Grazie